Gli scacchi moderni e la complessità, quando web design Umbria incontra le categorizzazioni del dio Google.

Nell’ ottica della comunicazione digitale riscontrate le solite analogie tra la strategia del mondo degli scacchi e quelle della seo, andiamo a carpire qualche segreto dalla pratica dei GM. All’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1082621 segnalato da web design Umbria, il mitico Kortchnoi ci mostra un esempio di complessità nella partita giocata con il nero contro Sosonko a Bad Kissingen nel 1981 nell’ apertura classificata E04. La regina bianca va a guadagnare una qualità in h8 ma la vitalità del nero con i pezzi minori crea numerosi problemi. Il fatto é che le cose sono sempre terribilmente complesse e anche il motore dei motori con il suo imperialismo razziale certamente un pò di caos informe lo crea, evidenzia web design Umbria cercando di carpire gli aspetti caratteristici di un seo professionale orientato a comprendere come lavorano gli spider. Premesso che parliamo di qualcosa di dinamico costantemente in evoluzione un esempio ricorrente nei sacri testi é quello della digitazione panda. Cosa salterà fuori? Un antivirus o una macchina o ancora un animale? Vista la presenza di più argomenti legati a questa chiave Google di sfangarsela (in italiano nel testo con un warning dell’ accademia della crusca a web design Umbria) cercando di presentare una lista variegata di argomenti, guadagnando così tempo in maniera plateale per capire quale sia la vera intenzione dell’ utente, scavando nei suoi interessi. Qui c’è molto lavoro da fare perché il motore si prodigra a vategorizzare ricerche, utenti, siti web e altro. Certamente se digito in un motore acquistare una scacchiera di avoro pregiata da 20 mila euro per collezionisti doc (é un caso molto estremo fa notare web design umbria) quel maledetto figlio di put… pardon Google individua nella parola acquistare una esigenza dell’ utente pertanto viene evidenziato un INTENTO commerciale da parte dell’ utente quindi crea le categorie in base alle intenzioni dell’ utente. Puoi cercare un brand tipo Adidas, puoi cercare qualcosa di siti e login tipo, facebook account per esempio oppure puoi fare ricerche in Locale come inslata mista Ivrea oppure cercare informazioni del tipo data di compleanno di Buffon o ancora puoi avere l’esigenza di comprare scarpe da ballerina professionista in tutti i casi ecco delineato l’armadio con i cassetti, per l’appunto: navigazionale, informazionale, locale, commerciale, transazionale (prenotare una casa vacanza per esempio o scaricare un pdf) o brand. Brand, navigazionale e transazionale sono indicate nei brevetti google con il contrassegno di quality rater mentre le altre tre sono dedotte da studi in ambito settoriale. Ma non siamo Malachia o Nostradamus pertanto non sappiamo realmente quante possano essere queste categorie, e come Sosonko non possiamo neanche sapere se alla fine della variante principale siamo in grado o no di aver guadagnato realmente la qualità dopo essere finiti in un buco sulla casa h8, simile alla scomoda prigione di Cagliostro a San Leo. I brevetti di Google vengono assegnati e pubblicati alcuni anni dopo la richiesta, nessuno può sapere quali e quanti di questi siano tuttora vigenti. Quando non siamo sicuri che intento può avere una ricerca generica non ci resta quindi che analizzare quel tipo di momento storico e vedere come si comporta il motore senza riferimenti nevralcigi di parole chiave. Certamente tornando a bomba del nostro esempio con web design Umbria, acquistare Panda nello specifico difficilmente estrapolerà l’animale Panda in carne ed ossa ma il suo peluche o la macchina Fiat o l’antivirus. Certamente anche fare l’analisi della concorrenza male non fa, conclude web design Umbria con particolare riferimento a BING. In uno dei prossimi articoli di approfondimento sulla seo analizzeremo la spinosa questione della categorizzazione degli utenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...