Media query e breakpoints ovvero la psicologia di un campione secondo polo tecnologico Foligno

Con Polo tecnologico Foligno abbiamo visto all’ indirizzo https://umbriawayfidelizza.wordpress.com/2017/03/21/esistono-le-mosse-responsive-design-negli-scacchi/ una vision sommaria di quelle che sono le media query e di come funzionano con la logica dei brakspoints, ossia la capacità di ridimensionarsi sul tema del responsive design in maniera automatica previa impostazione delle regole nel css collegato. Riprendiamo la stessa analisi cercando di approfondire i temi correlati e mostrando anche la partita Garry Kasparov vs Shohrat Muratkuliev disponibile all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1292977 dove un ragazzino di dieci anni riesce a imporsi con una padronanza tecnica su un più esperto avversario. Il ragazzino ha dieci anni e abita a Baku! Kasparov inizia a giocare all’ età di sei anni e il link mostra la sua sorprendente vitalità seppure giovanissimo. In questa partita non fa nulla di spettacolare se non interpretare in maniera lineare e pulita i temi tecnici di una partita a scacchi, evidenzia polo tecnologico Foligno. Le mosse 19 Ag7 e 22 h4 mostrano una grande padronanza stilistica per convertire i piccoli vantaggi posizionali in vittoria. Sicuramente il divario storico che esiste con il suo grande antagonista Karpov alla fine degli anni ottanta é anche dovuto all’ uso massivo del computer che entra prepotentemente in scena per dominare anche le analisi agonistiche e in questo esercizio o insieme di abilità e muscoli da affinare chi ebbe il sopravvento fu certo Kasparov che perse anche una famosa caro kann in poche mosse con un piccolo mostro IBM. Sviluppare nuove idee e concentrarle sui punti deboli dell’ avversario é una caratteristica di questo futuro campione del mondo (se rapportato alla partita) e certamente il lavoro fatto prima di ogni partita di torneo anche con il supporto informatico gli ha consentito negli anni novanta di giocare partite assolutamente spettacolari basate su calcoli accurati e precisi dove mai nulla é affidato al caso. Kasparov da giovanissimo concentrava i colpi cercando preponderanze di forze in un settore specifico, oppure cercando la migliore coordinazione delle forze anche a scapito di piccoli investimenti materiali. K si forma osservando e studiando le partite di Alekhine e da lui eredità tutto il geniale astro combinativo, anche se da Karpov ha dovuto poi imparare l’arte della difesa. Certamente con l’ascesa di nuovi astri nascenti negli anni novanta come kramnik, Anand, Kamsky, Gelfand e tanti altri anche la parabola discendente di questo formidabile giocatore ha inizio che ha però nella flessibilità e nella capacità di adattamento alle situazioni più variegate nello stile di gioco e nella capacità di leggere i singoli momenti della partita un modello a cui ispirarsi e certamente anche nel nostro parallelismo nel campo del web design non possiamo che sottolineare come questa flessibilità sia anche alla base della scienza definita responsive design con i settaggi in percentuali e le media query protagoniste per la “rottura” dello schermo. Vedere ad esempio script http://www.farwebdesign.com/example/res_des/res_des2..html e http://www.farwebdesign.com/example/res_des/res_des3.html che parlano solo con la magia del fare tanto cara a mago Merlino più di mille parole, conclude polo tecnologico Foligno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...